Il mio metodo di lavoro

Lavoro con l’allievo attraverso l’utilizzo di esercizi mirati per fare in modo che ogni voce trovi la sua vera essenza e per risolvere i problemi o i difetti nati dall’utilizzo di una tecnica sbagliata o da abitudini errate.

Una buona resa vocale non può prescindere dall’uso del fiato. Prima di tutto è fondamentale capire come funziona il diaframma e come va gestito durante la fonazione. Dedico quindi almeno un paio di lezioni in cui approfondisco con l’allievo esercizi di respirazione e cenni anatomici relativi ai principi fondamentali: come funziona la voce, respirazione a corde aperte, appoggio e sostegno. Se necessario imposto un lavoro più mirato sulla voce parlata.

L’altro aspetto importante sono i punti di passaggio: quando si cantano le note più acute del proprio registro si incontrano punti in cui la voce fa fatica ad andare oltre e talvolta si spezza (“break vocale”). Soprattutto il primo “ponte” è il più critico perché è quello in cui è più probabile che i muscoli esterni della laringe si attivino. Quando ciò accade, essi comprimono la parte esterna della laringe e la sollevano verso l’alto dando la sensazione di “chiusura” e rendendo difficile cantare quelle note.

Attraverso l’utilizzo di una pressione costante e riducendo la quantità d’aria inviata alle corde vocali la laringe può rimanere stabile e i muscoli esterni laringei non si attivano, facendo in modo che i muscoli interni possano tendere le corde in maniera autonoma. I vocalizzi che propongo sono appositamente studiati affinché i punti di passaggio vengano affrontati in maniera comoda e rilassata. Si impara in questo modo a cantare senza sforzo, eliminando le tensioni che impediscono alla voce di produrre liberamente i suoni desiderati.

Come dico a tutti i miei allievi, il canto non è solo respirazione e tecnica, ma anche e soprattutto cuore. Perciò, impostato il lavoro iniziale, procedo parallelamente affrontando con l’allievo un percorso di interpretazione legato al repertorio, seguito da elementi di comportamento scenico per poter permettere una migliore resa sul palco, a livello di presenza, oltre che vocale.

Commenti recenti
© Copyright 2010-2019 Patrizia Lieti. All rights reserved. Created by Dream-Theme — premium wordpress themes. Proudly powered by WordPress.